Author Archives: Luca Rizzardi

  • 0
cup

World Cup 17 prima prova: Praga (CZE) – De Gennaro e Horn a caccia del pass mondiale.

Category : Info di servizio

Al via in Repubblica Ceca il circuto mondiale di Coppa del mondo, obbiettivo pass mondiale per i nostri atleti bresciani e tutti gli altri

Venerdì 16 Giugno: Qualificazioni

Prima giornata di gare dedicata alle manche di qualifica con la prima volta della C2 mista.Giornata positiva per la squadra italiana.

Gli azzurri del K1 maschile ottengono tre qualifiche su un totale di quattro al via. Basta la prima manche per  Zeno Ivaldi 13° e migliore degli italiani chiamato al riscatto dopo la delusione della rassegna continentale, Giovanni De Gennaro chiude 18° e il più giovane membro della squadra Jakob Weger si piazza 21° mettendo in mostra tutta la sua classe; a sorpresa Lucien Delfour, australiano ma di origine francese, vince in 77.73 mettendosi dietro il quartetto Ceco. Non è bastata la grinta e la tenacia a Marcello Beda (Cc Bologna) per qualificarsi. Troppi errori, sia nella prima che nella seconda manche, gli impediscono di superare le qualifiche.

Nel K1 femminile straordinario risultato della nostra Steffi Horn che sbaraglia la concorrenza portando il suo Kayak davanti a tutte le avversarie, galvanizzata dall’argento di due settimane fa agli europei.
Qualifica ok anche per Maria Clara Giai Pron (Marina Militare) che chiude la pratica in prima manche grazie al 17° posto. Male Chiara Sabattini (Fiamme Azzurre), discreta prima manche a 1,50 dalla qualificazione disastrosa la seconda appesantita da un salto di porta. Qualifiche che hanno regalato colpi di scena, come la campionessa olimpica Maialen Chourraut (ESP) costretta alla qualificazione grazie alla seconda manche così come Karolina Galuskova (CZE), vicecampionessa del mondo Junior 2016, Eva Tercelj (SLO), finalista a Tacen due settimane fà, e Viktoria Wolffhardt (AUT), bronzo europeo 2016. Allo stesso modo ci sono state vittime illustri come Ana Satila (BRA), medaglia di bronzo mondiale U23, Stepanka e Amalie Hilgertova (CZE) e Elena Kaliska (SVK).

Nella C1 Raffaello Ivaldi (Cc Verona) regala spettacolo con una manche pulita, veloce e spettacolare premiata con il 7° posto a 0,80 dal 2° posto e 2,09 dal campione europeo Alexander Slafkovsky (SVK). In difficoltà i suoi compagni di squadra costretti a lottare per la qualifica nella seconda manche successivamente superata da Roberto Colazingari (GS Carabinieri) con il 2° tempo ma non da Stefano Cipressi (Marina Militare) che qui a Praga nel 2006 diventò Campione del Mondo nel K1. Anche in questa categoria eleminazioni illustri, OUT Vitezslav Gebas (CZE), Adam Burgess (GBR), Campione del mondo U23 2015, e Sebastian Rossi (ARG).

Tra le novità in occasione di questa prima prova, un nuovo format che ha raccolto pareri contrastanti e che sarà ulteriormente discusso nel corso dei restanti giorni di gara. Il comitato organizzatore infatti ha introdotto il sistema “non-stop” che ha previsto negli ultimi 30 minuti di allenamento a disposizione per ciascuna nazione, la tracciatura del percorso di qualifica con la possibilità di provarlo in anticipo rispetto al giorno della gara.

Sabato 17 Giugno: Semifinali & Finali C2 Maschile – C1 Femminile – K1 Maschile 

Seconda giornata di gare ostica e senza sorrisi per la squadra azzurra.
Il miglior tempo di gara è quello del nostro Giovanni appesantito purtroppo da un tocco quasi impercettibile e invisibile a occhio nudo alla porta numero 6, e conseguenti 2 secondi di penalità, ma soprattutto un salto di porta alla 23 tutt’altro che chiaro, considerando i passaggi di altri altleti considerati buoni. Al traguardo gli vengono assegnati due tocchi di palina; pochi minuti più tardi però, nonostante i giudici di porta non avessero ravvisato altro, il giudice principale Jean Michel-Prono, francese e capo del settore slalom per l’International Canoe Federation, assegna un salto di porta, e 50 secondi di penalità alla 23. Dege chiuderà al 31° posto.
Il migliore degli azzurri è ancora lo scaligero Zeno Ivaldi che si ferma al 14° posto a 1,03 dalla finale, 27° Jakob Weger. Semifinale fatale inoltre per Mateusz Polaczyk e DariuszPopiela (POL), neocampione e vicecampione europeo, Peter Kauzer (SLO) e Vavrinek Hradilek (CZE) che qui vinse il mondiale nel 2013.
Doppiedda Rep. Ceca con Vit Prindis che beffa per soli 0,89 Jiri Prskavec, bronzo a Sebastian Shubert (GER).

Nella C2 suona ancora l’inno Ceco grazie all’equipaggio Kaspar/Sindler che demolisce la concorrenza, argento e bronzo alla Francia con gli equipaggi Klauss/Peche e Picco/Biso.

Nella C1 femminile è la neocampionessa europeo Kimberley Woods (GBR) a trionfare davanti alla connazionale Mallory Franklin e la padrona Monika Jancova (CZE).

Dopo lo spettacolo dello slalom è andata in scena la Boater Cross. Nessun italiano al via ma tanto spettacolo, partendo dai 1/4 di finale, sia maschili che femminili, a trionfare saranno nel maschile Mike Dawson (NZL) e nel femminile Amalie Hilgertova (CZE)

Domenica 18 Giugno: Semifinali & Finali K1 Femminile – C1 Maschile – C2 Misto

Ultima giornata di gare a Praga e prima gioia per i colori azzurri.
Nella K1 femminile Steffi dopo la vittoria nelle qualifiche di ieri pasticcia parecchio in semifinale e nonostante un lungo alla porta 22 riesce ad accedere in finale con il 10° tempo, l’ultimo a disposizione. Maria Clara Giai Pron chiude al 15° posto e fuori dalla finale in compagnia di atlete importanti come Eva Tercelj (SLO), la vicecampionessa olimpica Luuka Jones (NZL) e la campionessa del mondo in carica Katerina Kudejova (CZE).
Decisamente meglio la finale per Steffi dove però commette due tocchi di porta che la piazzano al 5° posto finale a 4,31 dalla vincitrice, e campione olimpica 2016, Maialen Chourraut (ESP) che precede sul traguardo Kimberley Woods (GBR) e Ricarda Funk (GER).

Nella C1 è Raffaello Ivaldi a farci saltare sul divano, grazie alla sua prima medaglia in coppa del mondo!
Dopo un ottima qualifica Raffy è bravissimo ad interpretare il nuovo tracciato e nonostante un tocco si qualifica raffaelloivaldi2017ivrea-300x200nettamente con il 5° tempo. Troppi gli errori per l’altro azzurro Roberto Colazingari che conclude 16° con 6 secondi di penalità sulle spalle che non gli permettono di qualificarsi, così succede anche a molti altri TOP di specialità.
Alexander Slafkovsky (SVK) commette un salto di porta alla 17, fuori anche Ander Elosegui (ESP), Takuya Haneda (JPN), bronzo di Rio 2016, Michal Jane (CZE) e Casey Eichfeld (USA).
Raffy è determinato e in gran forma e nonostante un tocco ineccepibile alla 15 piazza il tempo di 101,91. Passano gli atleti e Michael Martikan (SVK) provvisoriamente al comando viene retrocesso per un salto porta spingendo quindi lo scaligero sul podio dietro al trionfatore Sideris Tasiadis (GER) e Matej Benus (SVK).

Gli azzurri ora si trasferiranno in Germania, ad Augsburg, sede nel prossimo weekend della seconda prova di coppa del mondo. Questi i convocati:

KAYAK MASCHILE

  • C.S.CARABINIERI: DE GENNARO Giovanni
  • C.C.VERONA: IVALDI Zeno
  • S.C.MERANO: WEGER Jakob
  • A.S.D. C.C. MILANO: DE DIONIGI CHRISTIAN

KAYAK FEMMINILE

  • M.M.C.S. CANOA FLUVIALE: HORN Stefanie – GIAI PRON Clara
  • G.S. FIAMME AZZURRE: SABATTINI Chiara

CANADESE MONOPOSTO

  • C.S.CARABINIERI: COLAZINGARI Roberto
  • C.C.VERONA: IVALDI Raffaello
  • M.M.C.S. CANOA FLUVIALE: CIPRESSI Stefano

Luca Rizzardi


  • 0
ita team

Steffi d’Argento e C1 di Bronzo a Euro 2017, buona prova per i colori azzurri

Category : Info di servizio

A Tacen è andato in scena il Campionato Europeo dove i nostri concittadini De Gennaro e Horn sono stati protagonisti di ottime prove.

Nel primo week end di Giugno la creme della creme dello Slalom Europeo era concentrata nella periferia della capitale slovena Ljubljana. A Tacen infatti i migliori atleti europei si sono dati battaglia nel vero e proprio primo grande appuntamneto stagionale.
In una nazionale tutta nuova, a partire dalla direzione tecnica, le due novità sono Zeno Ivaldi (Cc Verona) vincitore delle selezioni italiane e Jakob Weger (Sc Merano) che al primo anno Senior ha gia fatto capire che il futuro potrebbe essere tutto suo.

Riviviamo insieme la rassegna continentale 2017 di Tacen

Giovedi 1 Giugno: Qualifiche K1 Maschile – C1 Femminile – C2 Maschile

Prima giornata di gare e purtroppo gia nelle qualifche non sono mancati i colpi di scena.  Nella K1 maschile solo  Giovanni De Gennaro, è stata l’unica soddisfazione per i colori azzurri. Giovanni, ora in forza al GS Carabinieri, nonostante due secondi di penalità si è qualificato col 4° tempo assoluto. Il giovane 18enne meranese Jakob Weger (al debutto nella rassegna continentale assoluta) si piazza 31° in prgioviima manche e nonostante la grinta e la determinazione che lo contraddistingono è solo 12° nella seconda (32° complessivo) causa anche due tocchi che lo relegano a 1.13 dalla qualifica in semifinale.
Ci si aspettava qualcosa in più anche dal Campione Italiano 2016 Zeno Ivaldi (Cc Verona), anch’egli al debutto continentale assoluto. 40° in prima manche causa salto di porta in seconda manche cerca il tutto per tutto. Fino a 2/3 di gara era tranquillamente in linea per la qualifica, ma anche in questo caso la sfortuna è dietro l’angolo. Durante il passaggio tra la 19 e la 20 Zeno perde inspiegabilmente il controllo dell’imbarcazione incappando in un salto di porta che lo costringe al 33° posto di manche (53° posto complessivo).

Nulla da fare purtroppo per il C2 dell’Aeronautica Militare di Pietro Camporesi e Niccolò Ferrari. Il tandem azzurro chiude con 50 secondi di penalità in occasione della prima manche di qualifica. Nella seconda prova, l’ultima per poter centrare la qualificazione, l’equipaggio italiano incappa però in dieci secondi di penalità che appesantiscono in maniera irrecuperabile il riscontro cronometrico del nostro C2. Il 6° tempo di manche (17° complessivo) è troppo alto per insidiare il tandem svizzero Werro/Werro che riesce a staccare l’ultimo pass a disposizione per la semifinale. a Sorpresa oltre al duo italiano fuori anche i leggendari e fuoriclasse fratelli Hochschorner e i campioni europei in carica Batik/Kucera (SVK)

Venerdì 2 Giugno: Qualifiche K1 Femminle – C1 Maschile – Team race

Seconda giornata di gare dove nel K1 femminile, non delude la nostra Steffi che si qualifica con l’11° tempo in prima manche. Clara Giai Pron probabilmente paga le conseguenze dell’infurtunio  subito durante il raduno sul canalone  di gara (taglio al sopracciglio in seguito ad un capovolgimento che l’ha portata a sbattere la fronte su un sasso, fortunatamente senza ulteriori conseguenze oltre alla ferita). 20° tempo nella prima manche e 12° nella seconda che la relegano al 27° posto complessivo.
Prima manche della C1 da dimenticare per gli azzurri che limitano decisamente in danni nella seconda. Con grinta e orgoglio Raffaello Ivaldi (Cc Verona) fa segnalare il miglior tempo qualificand18813674_1467289673335223_456219743509795886_nosi per la semifinale insieme a Stefano Cipressi (bolognese della Marina Militare) che chiude 4°, fuori dai giochi il campione Italiano Roberto Coloazingari (GS Carabinieri) che con il 12° posto in seconda manche chiude la sua gara al 27° posto.

Dopo le gare singole via alle gare a squadre. E’ purtroppo di legno la medaglia della squadra maschile K1, non sbaglia niente il meranese Weger che col pettorale A esegue il percorso alla perfezione, non si può dire la stessa cosa per Zeno Ivaldi che causa un errore di lettura del percorso commette un errore alla porta 5. Errore che sembrava irreparabile, visto che Zeno era l’elemento centrale della squadra, ma grazie alla sua classe Giovanni De Gennaro, che è sceso con il pettorale C, riesce a metterci una pezza anche se purtroppo non basta e il terzetto finisce 4° a 0,24 dal podio e a 2,97 dall’oro.La prima medaglia azzurra  arriva nell’ultima gara di giornata; nella  C1 a squadre Stefano Cipressi (Marina Militare), Roberto Colazingari (GS Carabinieri) e Raffaello Ivaldi (CC Verona) volano sull’acqua, reagiscono al meglio di fronte alle insidie del canale sloveno e conquistano la medaglia di bronzo alle spalle di Germania e Slovenia. Il terzetto  che al cancelletto parte per primo non ha pressioni e i ragazzi sono chiamati a mettere pressione alle 9 squadre successive. Finiscono dietro tutti, comprese Repubblica Ceca, Gran Bretagna, Polonia e Slovacchia che partono per ultime. E a Tacen può splendere il sorriso azzurro con i pagaiatori di casa nostra che esultano per il meritato bronzo conquistato.

Sabato 3 Giugno: Semifinali & Finali K1 Maschile – C1 Femminile – C2

Terza giornata di gare e solo un azzurro in acqua.
Nella K1 DeGe è chiamato a tenere alto il tricolore e ci prova fino alla fine. Bella ma non pulita la sua manche e causa due secondi di penalità non riesce a mettere il suo kayak nei Top15 e quindi in finale, chiude 18° a meno di un secondo dalla finale, cio nonostante si prende il lusso di battere il campione olimpico di Rio 2016 Joe Clarke (GBR) e quello di Pechino 2008 Alexander Grimm (GER) in una semifinale che oltre ai gia citati ha eliminato atleti illustri come Tunka (CZE) Combot (FRA).
In finale è dominio POLonia con il 1° e 2° posto di Mateusz Polaczyk e Dariusz Popiela davanti al fuoriclasse Jiri Prskavec (CZE), chiude 6° l’idolo locale Peter Kauzer (SLO)

Nella C1 femminile vittoria per Kimberley Woods (GBR) davanti a T Fiserova (CZE) e N Weratschning (AUT) mentre in una bellissima finale C2 a trionfare sono i transalpino P. Picco/H. Biso (FRA) davanti a A. Brzezinski/F. Brzezinski (POL) e J. Kaspar/M. Sindler (CZE) male i padroni di casa L. Bozic/Z. Taljat (SLO) settimi e i campioni olimpici P. Skantar/L. Skantar (SVK) che chiudono noni con 4 secondi di penalità a 3.88 dalla vetta.

Domenica 4 Giugno: Semifinali & Finali K1 Femminile – C1 Maschile

Quarta e ultima giornata di gare con le ultime tre cartuccie azzurre da sparare.
Nella K1 femminile i colpsteffii di scena non mancano tra squalifiche e penalità assegnate dopo la manche. Steffi in acqua mostra tutta la sua classe ma nonostante questo chiude all’ 11° posto la semifinale…. poi il colpo di scena! Penalità in più per Fiona Pennie (GBR) e Steffi quindi, in virtù della correzzione dei giudici, vede apparire il suo nome nella Top10, la finale, dalla quale rimangono escluse atlete fortissime. La stessa F. Pennie (11°) la tedesca R. Funk (13°) la campionessa del mondo 2015 K. Kudejova (CZE) e J. Dukatova (SVK)
Sotto un bellissimo sole parte la finale e Steffi con estrema precisione, velocità ed eleganza sull’acqua ferma il cronometro sul 96.38 e 0 penalità, tempo eccezzionale. Nessuna la supera e a due atlete dalla conclusione (con la medaglia di bronzo gia in tasca) tocca al duo Austriaco. Lisa Leitner conclude davanti a Steffi di un inezia (nonostante il 2 di penalità) e successivamente anche Corinna Kuhnle, che qui vinse il mondiale nel 2010.
Sembra finita qui, doppietta Austria e Steffi a completare il podio ma….. altro colpo di scena.
La barca di Lisa Leitner è stata trovata sotto il peso limite consentito. SQUALIFICA INEVITABILE.
Podio definitivo: Vittoria Corinna Kuhnle (AUT) davanti alla STREPITOSA Steffi, argento, e terzo posto per M.Z. Lafont (FRA)

Nella C1 Stefano Cipressi al primo passaggio impegnativo commette un errore di linea e getta alle ortiche con un 50 una gara che sul tempo netto gli avrebbe consentito un accesso in tranquillità in finale (avrebbe chiuso 5°) ma si è dovuto accontentare del 19° posto finale, mentre la tecnica la tenacia e la grinta non bastano al fuoriclasse scaligero Raffaello Ivaldi per accedere alla finale chiudendo comunque con un onorevole 14° posto. Semifinale da incubo anche per i fuoriclasse S. Tasiadis (GER) vicecamnpione Europeo in carica, D. Gargaud Chanut (FRA) campione olimpico di Rio 2016 e R. Westley (GBR) bronzo mondiale 2015.
Sarà Alexander Slafkovsky (SVK) a trionfare bissando il titolo dello scorso anno davanti a Thomas Koechlin (SUI), al miglior risultato di carriera, e alla leggenda Michael Martikan (SVK).

La prima spedizione azzurra dei nuovi CT della nazionale Daniele Molmenti ed Ettore Ivaldi con la collaborazione di Guille Diez Canedo si chiude quindi con due medaglie e tante buone indicazioni per i CT da parte degli atleti che domani inizieranno la stagione di coppa del mondo sul canale di Troja a Praga (CZE).
Questi i convocati:

KAYAK MASCHILE

  • C.S.CARABINIERI: DE GENNARO Giovanni
  • C.C.VERONA: IVALDI Zeno
  • S.C.MERANO: WEGER Jakob
  • C.C. BOLOGNA: BEDA Marcello

KAYAK FEMMINILE

  • MARINA MILITARE SEZ CANOA: HORN Stefanie – GIAI PRON Clara
  • G.S. FIAMME AZZURRE: SABATTINI Chiara

CANADESE MONOPOSTO

  • C.S.CARABINIERI: COLAZINGARI Roberto
  • C.C.VERONA: IVALDI Raffaello
  • MARINA MILITARE SEZ CANOA: CIPRESSI Stefano

Circuito di coppa del mondo che porterà successivamente i nostri azzurri ad Augsburg e Markleeberg (GER) nel mese di Giugno. Appuntamento italiano per la quarta prova a Ivrea per poi chiudere con l’ultima prova a La Sue D’eurgell (ESP) in Settembre per arrivare carichi e in forma al Campionato del Mondo di Pau (FRA) a fine Settembre.

Luca Rizzardi

 

 


  • 0
canoa slalom vobarno

Vobarno alla ribalta con la 3° e 4° prova del Campionato Italiano per Società

Category : Info di servizio

Dopo il successo dello scorso anno Vobarno torna protagonista con due giornate di gare e quasi 320 iscritti nel complessivo del Week End

Nel week end del 27 e 28 Maggio la cittadina di Vobarno è stata il centro d’Italia per la canoa slalom azzurra che ha dato vita a due giorni di gare intense sulle bellissime acque del Chiese.
Gara nazionale, valevole anche come Campionato Regionale 2017, e soprattutto terza e quarta prova del circuito del Campionato Italiano riservato alle società.

Nella giornata di sabato riservata alle categorie Junior e Senior sono Elena Borghi del Cc Ferrara e Flavio Micozzi del Canoanium Subiaco a trionfare nelle rispettive categorie nella C1 mentre a livello senior primo posto per Carolina Massarenti sempre del Cc Ferrara e Mandi Mandia del CCKValstagna.
Nella K1 Junior Marta Bertoncelli per Il Cc Ferrara si impone nel femminile mentre nel maschile è trionfo del CC Brescia grazie al 17enne (vincitore dell’ECA CUP U16 2016) Marco Romano. Nella categoria Senior vince  Lisa Signori del CCK Valstagna, mentre nel maschile trionfa il lombardo Omar Raiba (atleta di Viadana) della Marina Militare.
Pippa/Molino del CC Nervi vincono nel C2 junior, Koco/Borghi del CC Ferrara primeggiano tra i senior. Protagonisti della nuovissima categoria C2 mista a trionfare sono Biz/Favot del Cc Sacile nella cat junior e il duo Fina/Roggiery del Cuneo Cc nei senior.

CAMPIONI REGIONALI 2017:

  • K1 Senior M: Dario Romano – Canoa Club Brescia
  • K1 Junior M: Marco Romano – Canoa Club Brescia
  • K1 Junior F: Luna Panato – Sport Club Liberavventura Brescia
  • C1 Junior M: Simone Bernard – Sport Club Liberavventura Brescia

Grande partecipazione nella prova di domenica per le categorie giovanili con numeri importanti tra le categorie allievi, cadetti e ragazzi, a sottolineare la versatilità del percorso di gara e la qualità organizzativa. 145 atleti al via, in rappresentanza del mondo giovanile canoistico italiano, capaci di dare spettacolo e di trasformare le sfide tra le paline in interessanti testa a testa, nell’ambito di una giornata in cui non sono mancati momenti piacevoli nel corso del pregara, durante le premiazioni e nel post premiazioni dove i CT del Team Giovani Speranze (Under16) Italia Paolo Borghi del Cc Ferrara e Andrea Coan del Cc Sacile avevano diramato le convocazioni per il raduno giovanile svoltosi sulle impetuose acque del Soca (Isonzo) a Solkan (SLO) dall’1 al 4 Giugno
Tutto questo mentre i senior azzurri volavano a Tacen per preparare al meglio l’appuntamento continentale e l’organizzazione del CC Brescia oltre a quello del comitato regionale Lombardia hanno permesso di chiudere in bellezza e con successo il fine settimana di slalom in ValSabbia.

Luca Rizzardi


  • 0
steffi

De Gennaro e Horn in coppa del Mondo, Romano alla caccia della maglia azzurra giovanile

Tre giornate di gare per definire il quadro degli atleti che parteciperanno alle prove di Coppa del Mondo 2017

Dopo le selezioni Slovene, che hanno formato la squadra per la rasegna continentale, ad Ivrea vanno in archivio anche quelle per comporre la squadra che difenderà il tricolore al giovicircuito di Coppa del mondo a Praga (CZE), Augsburg (GER), Markkleeberg (GER), Ivrea (ITA)e  La Seu d’Urgell (ESP). Nel K1 maschile il bresciano De Gennaro sarà affiancato da Zeno Ivaldi, pagaiatore scaligero di Verona con il quale si è alternato in prima e seconda posizione nell’arco di tutte le selezioni, e il giovanissimo pagaitore Meranese Jakob Weger, confermando quindi il trio che parteciperà anche agli europei. Nella C1 prenderanno parte alla coppa il carabiniere di Subiaco Roberto Colazingari, il marinaio di Bologna Stefano Cipressi e il veronese Raffaello Ivaldi, autore di una qualifica con brivido. Nella K1 femminile si qualifica la nostra Stefanie Horn in compagnia di Clara Giai Pron compagna di squadra in Marina Militare mentre nella C2 chiudono la squadra il duo dell’Aeronautica Militare Pietro Camporesi e Niccolò Ferrari.
Su decisione della direzione tecnica della nazionale ,oltre agli atleti gia citati, potranno essere comunque selezionati altri altleti rimasti di poco fuori dalla percentuale.

Dopo la conclusioni delle selezioni per la squadra iridata e continentale Under23 sono iniziate quelle della categoria Junior

Nell’ultima giornata di gare è andata inoltre in scena la prima selezione nazionale per la categoria Junior con impegnato nella K1 il nostro Marco Romano che dopo la vittorimarcoa della Coppa europa dello scorso anno era chiamato alla conferma. Purtroppo chiude la gara al 4° posto, ma comunque in percentuale, dietro all’eccellente e sorprendente Valentin Luther pagaiatore del Merano che trionfa nettamente davanti all’atleta di casa Davide Ghisetti e al milanese Tommaso Fasoli. Nella C1  maschile successo per il bolognese Nicola Mengoli davanti a Flavio Micozzi di Subiaco e al ferrarese Marcello Semenza. Nella C1 femminile gara dominata da Elena Borghi davanti alle compagnie di quadra del Ferrara Massarenti e Bertoncelli, mentre nella K1 femminile il successo va alla pagaiatrice di Sacile Agata Spagnol davanti a Enrica Giacomello della Pol.Montereale e a Francescsa Malagutti del Ferrara. Prima del verdetto finale mancano ancora due selezioni e Marco Romano è ancora nettamente in corsa per ambire al suo obbiettivo.
Prossima selezione all’International race di Merano valida inoltre come Campionato Italiano Under23 della quale la direzione tecnica ha diramato anche i nomi degli azzurri che rappresenteranno l’Italia ai campionati europei e mondiali under 23.
Nel K1 maschile Jakob Weger, Marcello Beda e Marco Vianello, nel C1 maschile Raffaello Ivaldi, Paolo Ceccon e Flavio Micozzi, qualora non si qualificasse per la categoria Junior, nel K1 femminile Eleonora Lucato e nel C2 l’equipaggio composto da Francesco Cavo e Alberto Querci.
Luca Rizzardi

  • 0
qualifiche europei assoluti canoa

Horn, De Gennaro PASS Europeo in Slovenia. A Bologna pieno di medaglie.

Giovanni De Gennaro e Steffi Horn non deludono le attese e si qualificano per gli Europei assoluti di Giugno.

dege

Dege durante la premiazione generale della gara

Due finali ottenute e terzo posto generale del Week end per Giovanni De Gennaro che stacca il biglietto Europeo proprio sulle acque che ospiteranno la rassegna continentale.
Giovanni che ha chiuso 6° Sabato, migliore degli azzurri, e 7° Domenica, secondo degli azzurri, avrà come compagni di squadra il veronese e Campione italiano Zeno Ivaldi, vincitore delle selezioni grazie alle due gare che lo hanno proiettato al secondo posto generale del week end, e al meranese Jakob Weger che, a soli 18 anni, per poco supera in graduatoria atleti molto più quotati ed esperti come Omar Raiba, Andrea Romeo, Marcello Beda e Cristian De Dionigi.
Due finali anche per Steffi Horn chiuse con un 14° posto Sabato e il 16° Domenica, nonostante il miglior tempo cronometrico appesantito però da 52 di penalità, qualificata in compagnia di Clara Giai Pron, compagna di squadra in Marina Militare, in netta ripresa dopo le delusioni degli scorsi anni. Il team Italiano per la rassegna continentale è completato da Roberto Colazingari (G.S. Carabinieri), Stefano Cipressi (Marina Militare), Raffaello Ivaldi (C.C. Verona) nella C1 e con molta probabilità dal duo Pietro Camporesi e Niccolo Ferrari (Aeronautica Militare) nella C2.
Prima della rassegna Europea di Giugno gli azzurri saranno impegnati nelle selezioni per la Coppa del Mondo 2017 sul canale di Ivrea a Fine Aprile.

Famiglia Romano sugli scudi a Bologna con 5 medaglie in altrettante categorie

Grande week end per i colori bresciani, dopo i pass ottenuti da Giovi e Steffi, a Bologna il Canoa Club Brescia risulta ancora tra i migliori grazie alla, solita, super performance della Famiglia Romano!
Partendo dal più giovane atleta del Club, Daniele Romano, che vince la gara nella categoria Allievi A, primo posto anche nella Master 2 femminile e maschile con Simonetta Gentilini e Dario Romano.
Nonostante la preferenza di rapide e acqua mossa Marco Romano si difende con il secondo posto dietro al padrone di casa, specialista dell’acqua piatta, Leonardo Grimandi. Marco e Dario in compagnia di Giulio Treccani inoltre sono riusciti a conquistano il bronzo nella gara a squadre Senior.

Gli atleti bresciani ora proseguiranno gli allenamenti tra Vobarno e Ivrea in attesa delle selezioni, per la Coppa del Mondo e la squadra giovanile Junior e U23, che inizieranno a fine mese.

Luac Rizzardi


  • 0
stagione 2017 canoa club brescia

Dopo un Inverno di cambiamenti, parte la stagione 2017

Dopo le elezioni presidenziali e un’intensa preparazione invernale, gli atleti bresciani sono pronti ad un’altra intensa stagione a caccia di conferme e vittorie

Lasciarsi alle spalle un 2016 pieno di vittorie ed emozioni e trovare certezze e riconferme nel 2017, questo l’obbiettivo degli atleti bresciani per la stagione 2017.
Durante la pausa invernale ci sono stati molti cambiamenti per quanto concerne il Club e alcuni suo Atleti.
Nell’ambito politico si sono svolte le elezioni presidenziali che hanno visto l’ex presidende Luca Bodei cedere la carica di presidente del Canoa Club Brescia a Giovanni Mortin, Maestro ed esperto canoiosta, rientrato a Brescia dopo qualche anno di assenza. In questa nuova avventura sarà accompagnato dal Vicepresidente Antonio Fierro e quattro consiglieri.
Rientando in ambito Sportivo Giovanni De Gennaro, dopo lo scioglimento del Corpo Forestale dello Stato, gareggerà sotto i colori del Gruppo Sportivo dei Carabinieri e quest’anno sarà chiamato alla conferma di ciò che di bello ha mostrato lo scorso anno come la partecipazione ai giochi di Rio 2016 e soprattutto la sua prima vittoria in Coppa del Mondo ad Ivrea, che quest’anno cercherà di riconfermare. La famiglia Romano è pronta a regalare ancora tanti successi al club e in particolare Marco Romano che dopo un gran 2016, trionfatore della Coppa Europa U16, passa dalla categoria Ragazzi alla categoria Junior. In una concorrenza nazionale folta tenterà la caccia alla squadra Nazionale che parteciparà ai Mondiali di Bratislava (SVK) e gli europei di Hohenlimburg (GER).

Dopo i raduni di Ivrea e Al Ain primi test e prime gare

Durante l’inverno Marco Romano e gli olimpionici Stefanie Horn e Giovanni De Gennaro, , hanno usufruito del fantastico impianto di Ivrea e il Wadi Adventure ad Al Ain negli emirati arabi per prepararsi al meglio in vista della stagione 2017.
Stagione che li ha visti ai nastri di partenza lo scorso week end a Solkan(SLO) con buoni risultati soprattutto da parte del giovane Marco arrivato a far registrare un tempo molto vicino a quello di grandissimi campioni come lo stesso Giovanni e ai medagliati olimpici Peter Kauzer(SLO) e Hannes Aigner(GER) senza dimenticare anche la grande prestazione del maestro Dario Romano che, nonostante la concorrenza di atleti molto più giovani di lui, si è classificato a ridosso della finale.
Il prossimo week end Giovanni De Gennaro e Stefanie Horn saranno chiamati al primo banco di prova importantissimo. Infatti sul canale di Tacen(SLO), dove quest’anno andranno in scena i Campionati Europei assoluti, gli atleti bresciani prenderanno parte alla gara Internazionale valevole come selezione della squadra nazionale.

Luca Rizzardi


  • 0
canoa slalom vobarno

Ritorno in grande stile per lo Slalom nazionale a Vobarno.

Dopo 5 anni lo Slalom italiano riscopre l’impianto bresciano, 14 società e quasi 300 iscritti. Come ritorno non c’è male!

Dopo anni, troppi, di inattività il Canoa Club Brescia è tornato ad organizzare una manifestazione a livello nazionale e campionato regionale 2016 suddiviso in due giornate nel paese Valsabbino. Anni di manutenzione e miglioramento del campo di gara a cura e impegno del Canoa Club Brescia e del Comune di Vobarno possiamo vantare uno tra i migliori impianti d’Italia dove quattordici club provenienti da tutta Italia hanno riportato gli occhi della Federazione a Vobarno.

Sabato sono state protagoniste le categorie Junior (16-18 anni) e Senior (18-35) con 120 iscritti che si sono dati battaglia sulle bellissime acque del fiume chiese. Presenti nella categoria Junior anche molti atleti della cat. Ragazzi così come alcuni Master nella categoria Senior che comunque si sono ben comportati. Nella K1 Senior la vittoria è andata a Marco Vianello del Valstagna, reduce dal Mondiale ed Europeo U23, davanti al lombrado della Marina Militare Omar Raiba. Gli atleti del Brescia nelle retrovie con il titolo lombardo vinto dall’intramontabile Dario Romano.img_3965a Negli Junior vittoria per l’eporediese Davide Ghisetti che precede di pochissimo il nostro Marco Romano, che comunque si consola con una stagione da urlo e il titolo regionale. Nella C1 Junior si sono messi in mostra gli atleti da Valstagna Carlo Bullo e Mandia Mandi, quest’ultimo è stato il vincitore, che due settimane fa hanno regalato all’Italia uno storico oro europeo insieme a Gabriele Ciulla. Titolo regionale all’atleta di Vigevano Theo Bellotti. Nelle altre categorie è una lotto tra il Canoa Club Bologna e il Canoa club Ferrara. Nel derby emiliano il Bologna porta a casa la C2, C1 maschile e femminile e il K1 femminile con Monguzzi/Malossi, Luca Malossi, Nicole Fantini e Valeria Bolzan. Mentre il Ferrara vince nella C2 Junior con Finco/Carlini (vincitori della coppa europa quest’anno) e nella K1 e C1 femminile con  Marta Bertoncelli, titolo regionale per Luna Panato nel K1. Il Canoa Club riesce comunque a salire sul gradino più alto del podio nella gara a squadre e conseguente titolo regionale con Luca Rizzardi ,vincitore anche del titolo regionale nella C2 Senior con Stefano Rizzardi, Dario Romano e Giulio Treccani. Al termine delle premiazioni il Canoa Club Brescia ha intitolato, con una targa commemorativa, il campo di gara di targaVobarno a Gianni Zanardello per tutti Gianni Slalom, tragicamente scomparso, che al campo di Vobarno  ha dedicato tante energie allenando con entusiasmo e simpatia gli atleti emergenti tra cui i fratelli De Gennaro che proprio lui ha iniziato alla canoa.

Nella giornata di Domenica sono andate in scena le categorie dei giovanissimi, Allievi (8-12 anni) Cadetti (12-13/13-14) Ragazzi (14-16) e le categorie Master con un totale di 151 iscritti. Il Canoanium Club Subiaco, dopo aver portato alla ribalta Roberto Colazingari in questi ultimi 5 anni, si conferma una grande scuola della Canadese vincendo nelle varie categorie giovanili con Flavio Micozzi (C1 Ragazzi), Elena Micozzi (C1 Cadette A), Sara Cignitti (C1 Allieve A) e Simone Lustrissimi (C1 Allievi B). Per quanto riguarda le altre categorie nella C1 Cadette B vince Elena Borghi del Ferrara (Vincitrice della coppa Europa U16) e Martino Barzon del CC Verona nella C1 Cadetti. Lisa Signori (Valstagna) e Elena Borghi trionfano nella K1 Cadette A e B e gli atleti del CC Sacile Daniel Zanchetta e Jacopo Biz vincono nella K1 Cadetti A e B. Tra i giovanissimi da sottolineare la bellissima vittoria del bresciano Daniele Romano (che proprio Domenica ha festeggiato i 9 anni) con un risultato fantastico e un futuro tutto da scrivere. Futuro già scritto invece per Marco Romano che dopo lo storico e importantissimo trionfo in Coppa Europa U16 quest’anno non raccoglie però  la gioia di trionfare sulle acque di casa sua, battuto da un meraviglioso David Mandia (Valstagana). Marta Bertoncelli e Francesca Malaguti regalano la vittoria al CC Ferrara nella C1 e K1 femminile Ragazze mentre nella C2 festeggia l’equipaggio bolognese Lenzi/Borgiani. Nella Categoriaimg_0799a C1 Master A vittoria per Nicola Gesualdi del CUS Milano nella C1 Master B per Michele Vianello di Mestre (sempre presente a Vobarno gia dalle prime gare degli anni 90). Alessandro Barzon del CC Verona trionfa nella K1 Master A (35-45) che perde di pochissimo la lotta a distanza per il miglior tempo di gara con i Ragazzi, lui che da qualche tempo segue i giovanissimi del TEAM SPERANZE ITALIA. Tripudio del Canoa club Brescia nelle categorie Master B (45-55) femminile e maschile, con le vittorie dei coniugi Romano Simonetta Gentilini e Dario Romano, e Master C (55-65) con  Giulio Treccani.

Nell’arco delle due giornate il Canoa Club Brescia è stato onorato della presenza dell’assessore dello sport  e del vice sindaco di Vobarno che sono stati piacevolmente colpiti dalla bellezza e dal fascino che questo sport, vedendo in Vobarno una grande risorsa, visti anche i risultati sportivi ottenuti dagli atleti bresciani Giovanni De Gennaro e Stefanie Horn e qui si allenano essendo stati atleti del Canoa Club Brescia prima di rappresentare rispettivamente il Corpo Forestale dello Stato e la Marina Militare.  Presenti anche il Presidente federale Luciano Bonfiglio il vice presidente e Claudio Roviera dell’Ivrea Canoa Club che quest’anno con caparbietà è riuscito a riportare in Italia la Coppa del mondo!

Luca Rizzardi


  • 1
rio 2016 canoa

Due Finali Olimpiche e ECA CUP. De Gennaro, Horn e Romano portano in alto il Canoa Club Brescia

Due finali e tanta esperienza acquisita, De Gennaro e Horn ci hanno provato. Adesso parte l’avvicinamento a Tokyo 2020

E’ stato un Agosto intenso ed emozionante per  il Canoa Club Brescia. Nell’arco di una settimana i nostri atleti si sono regalati risultati eccellenti.  Ieri si è conclusa l’olimpiade brasiliana di Rio 2016  e i nostri Giovanni De Gennaro e Stefanie Horn ci hanno regalato grandissime emozioni che purtroppo non sono bastate per arrivare alla medaglia. degennarorio2016-300x199Nella K1 maschile Giovanni dopo aver vinto la qualifica di Sabato si classifica 7° con una manche di finale condita da un erroraccio e qualche imprecisione senza il quale avrebbe potuto dire la sua. Chiude con 3 secondi di ritardo in una classifica cortissima con i primi 5 classificati in meno di 1 secondo.  Vittoria un po a sorpresa del 24enne inglese  Clarke che rifila 0.17 allo Sloveno Peter Kauzer, che dopo la delusione di Londra centra finalmente la medaglia olimpica. Impresa del favorito 22enne Ceco  e campione del mondo in carica Jiri Prskavec che nonostante un 2 in finale conquista il bronzo, 4° Aigner, Germania, a 0.49 e 5° a 0.9 lo slovacco Grigar.

steffiHornNella K1 femminile Steffi conclude 8°, dopo aver vinto anche lei le qualifiche di sabato, con una penalità di due secondi senza il quale comunque non avrebbe raggiunto la zona medaglie. Gara emozionante che ha visto trionfare la spagnola Chourraut , unica atleta scesa sotto i 100, con una manche veloce e precisa davanti alla fantastica, mai pronosticabile, neozelandese Luuka Jones che chiude 2° davanti alla 21enne FENOMENO Jessica Fox che dopo l’argento di 4 anni fa vince il Bronzo.

Per quanto riguarda le altre due categorie vittoria transalpina nella C1 con Gargaud-Chanut davanti allo slovacco Benus e al Giapponese Haneda che centra un risultato storico per lo slalom nipponico, mentre nella probabile, purtroppo, ultima edizione della C2 la vittoria è andata agli slovacchi Skantar/Skantar davanti ai britannici Florence/Hounslow che a distanza di 4 anni bissano l’argento. Bronzo ai francesi Klauss/Peche. Con le finali di ieri inizia ufficialmente il cammino verso Tokyo 2020 e stiamo sicuri che i nostri atleti si prepareranno al massimo per regalarci ancora tantissime emozioni. GRAZIE GIOVI. GRAZIE STEFFI per questo bellissimo sogno!

Continuità e fluidità, Marco Romano vince l’ambita ECA CUP U16 2016

Nella settimana dell’evento olimpico non solo Giovi e Steffi tengono alti i colori bresciani, Marco Romano dopo Sei eventi in marcoromano-300x168tutta europa suddivisi in Undici gare, con le sei migliori da tenere in considerazione per la classifica finale, trionfa nella Coppa Europa U16. Risultato storico per il canoa club e per lo stesso Marco che con un susseguirsi impressionante di piazzamenti e vittorie in Cinque eventi, Solkan (SLO) – Flattach (AUT) – Cracovia (POL) – Bratislav (SVK) – Ceske Budejovice (CZE), dei Sei previsti distrugge la concorrenza, in primis dei connazionali Jakob e Valentin Luther (S.C. Merano), di tutta Europa e non. Per Marco si aprano indiscutibilmente le porte della nazionale giovani a cui darà l’assalto definitivo l’anno prossimo per entrare a far parte dei Tre che parteciperanno ai Mondiali ed Europei giovanili 2017.

Luca Rizzardi

 


  • 0
Due finali e tanta esperienza aquisita, De Gennaro e Horn ci hanno provato. Adesso parte l'avvicinamento a Tokyo 2020

Marco Romano vince in ECA CUP mentre De Gennaro e Horn sono partiti alla volta di Rio.

Dopo 3 prove, in 5 gare, arriva la prima vittoria in ECA CUP per il giovane Bresciano che a 2 prove, 4 gare, dal termine è 2° a -14 dal Leader.

Dopo le vittorie in patria e gli ottimi piazzamenti internazionali Marco Romano centra finalmente la sua prima, tanto attesa e annunciata, vittoria in Coppa Europa sul bellissimo e impegnativo canale di Cracovia (POL). Reduce dalle due deludenti prove di Augsburg (GER), che gli sono costate il primato in classifica, e la medaglia di bronzo ai Campionati Italiani Ragazzi, Marco nelle due gare polacche tira fuori il meglio e con un 1° e un 2° posto risulta il migliore della quarta tappa di Coppa. Già scartato il suo 0 in

13680841_267158546996922_4502038308421275215_n

La grinta di Marco a Cracovia

Germania (il regolamento prevede lo scarto delle due peggiori gare delle 11 previste) ad attendere il nostro portacolori mancano ancora due prove. Le due gare di Bratislava (SVK) e di Ceskè Budéjovice (CZE) dove Marco dovrà dare il massimo per recuperare i 14 pt di svantaggio nella classifica generale che vede al comando il Meranese Valentin Luther a 303 pt. Sembra apparentemente lontano in terza posizione Jakob Luther a 93 pt di distacco dalla vetta e 79 dal nostro Marco.

Mentre Marco era impegnato alla conquista di Cracovia i nostri concittadini Giovanni De Gennaro e Stefanie Horn si sono imbarcati sull’aereo per il Brasile dopo tra poco più di una settimana scatteranno i XXXI° giochi olimpici, e dal 7 all’11 Agosto saranno protagonisti sul nuovissimo canale del Deodoro a una ventina di km da Rio de Janeiro.

 

Luca Rizzardi


  • 0
fAMIGLIA rOMANO

Campionati Italiani Ragazzi e Master. Il CCBS torna a casa con 7 medaglie

Category : Info di servizio

Brilla il Canoa Club ai campionati Italiani e soprattutto la famiglia Romano che a Marlengo fa bottino pieno. Grandi prove anche da parte di Giulio Treccani e Paolo Puerari.

Podio squad

Podio K1 MASTER B squadre assieme allo Speaker Bresciano Luca Rizzardi

Da una parte le giovani promesse della canoa azzurra, dall’altra i veterani che non mollano mai. C’erano ottimi presupposti per questi Campionati Italiani 2016 e il canoa club Brescia non ha deluso. 7 atleti, 7 medaglie. Pronti via, arriva subito una medaglia dalla categoria dei giovanissimi,  la K1 ALLIEVI A, con il piccolo e promettente Daniele Romano che surclassa letteralmente la concorrenza.
Da sottolineare la caparbietà e la grinta di Daniele che nonostante la vittoria sicura, ancora dopo la prima manche, nella seconda dopo un ostacolamento da parte di un altro atleta ha chiesto e ottenuto il permesso di rifare la 2° manche, rimigliorando ulteriormente il proprio crono.   Nella categoria K1 RAGAZZI su fratello Marco Romano, penalizzato da un canale lento e poco tecnico che non gli ha permesso di sfruttare appieno le sue capacità, chiude in 3° posizione in una battaglia serrata che ha visto trionfare l’atleta ferrarese Nicholas Bini, abile nello sfruttare al meglio le sue caratteristiche da “scivolatore”, davanti all’atleta di Valstagna David Mandia che aveva chiuso la 1° manche al 1° posto

c2

Campioni Italiani 2016 C2 MASTER B Romano-Puerari

. Buon sangue non mente, infatti nella K1 MASTER C mamma Simonetta Gentilini conclude con il 2° posto dietro alla padrona di casa Elke Weger, ma il migliore in famiglia (con ben 3 medaglie) è papà Dario Romano che bissa il titolo tricolore sia nella K1 MASTER D che nella categoria C2 MASTER B insieme al compagno Paolo Puerari. Argento invece nella K1 MASTER B a squadre sempre insieme a Paolo Puerari e a Giulio Treccani, che nel singolo si è riconfermato Campione Italiano nella categoria MASTER F. Ora in attesa del  GRANDE ritorno delle gare che si svolgeranno a Vobarno il 10 e 11 Settembre i nostri atleti continueranno gli allenamenti sul percorso Valsabbino, inoltre Marco Romano sarà impegnato nelle ultime prove di ECA CUP dove dovrà cercare di confermare gli ottimi risultati ottenuti nelle prime prove di Solkan e Flattach.

 

Luca Rizzardi


Corsi e Tesseramento

Iscriviti al nostro blog per ricevere le notifiche dei nuovi articoli.