World Cup 17 prima prova: Praga (CZE) – De Gennaro e Horn a caccia del pass mondiale.

  • 0
cup

World Cup 17 prima prova: Praga (CZE) – De Gennaro e Horn a caccia del pass mondiale.

Category : Info di servizio

Al via in Repubblica Ceca il circuto mondiale di Coppa del mondo, obbiettivo pass mondiale per i nostri atleti bresciani e tutti gli altri

Venerdì 16 Giugno: Qualificazioni

Prima giornata di gare dedicata alle manche di qualifica con la prima volta della C2 mista.Giornata positiva per la squadra italiana.

Gli azzurri del K1 maschile ottengono tre qualifiche su un totale di quattro al via. Basta la prima manche per  Zeno Ivaldi 13° e migliore degli italiani chiamato al riscatto dopo la delusione della rassegna continentale, Giovanni De Gennaro chiude 18° e il più giovane membro della squadra Jakob Weger si piazza 21° mettendo in mostra tutta la sua classe; a sorpresa Lucien Delfour, australiano ma di origine francese, vince in 77.73 mettendosi dietro il quartetto Ceco. Non è bastata la grinta e la tenacia a Marcello Beda (Cc Bologna) per qualificarsi. Troppi errori, sia nella prima che nella seconda manche, gli impediscono di superare le qualifiche.

Nel K1 femminile straordinario risultato della nostra Steffi Horn che sbaraglia la concorrenza portando il suo Kayak davanti a tutte le avversarie, galvanizzata dall’argento di due settimane fa agli europei.
Qualifica ok anche per Maria Clara Giai Pron (Marina Militare) che chiude la pratica in prima manche grazie al 17° posto. Male Chiara Sabattini (Fiamme Azzurre), discreta prima manche a 1,50 dalla qualificazione disastrosa la seconda appesantita da un salto di porta. Qualifiche che hanno regalato colpi di scena, come la campionessa olimpica Maialen Chourraut (ESP) costretta alla qualificazione grazie alla seconda manche così come Karolina Galuskova (CZE), vicecampionessa del mondo Junior 2016, Eva Tercelj (SLO), finalista a Tacen due settimane fà, e Viktoria Wolffhardt (AUT), bronzo europeo 2016. Allo stesso modo ci sono state vittime illustri come Ana Satila (BRA), medaglia di bronzo mondiale U23, Stepanka e Amalie Hilgertova (CZE) e Elena Kaliska (SVK).

Nella C1 Raffaello Ivaldi (Cc Verona) regala spettacolo con una manche pulita, veloce e spettacolare premiata con il 7° posto a 0,80 dal 2° posto e 2,09 dal campione europeo Alexander Slafkovsky (SVK). In difficoltà i suoi compagni di squadra costretti a lottare per la qualifica nella seconda manche successivamente superata da Roberto Colazingari (GS Carabinieri) con il 2° tempo ma non da Stefano Cipressi (Marina Militare) che qui a Praga nel 2006 diventò Campione del Mondo nel K1. Anche in questa categoria eleminazioni illustri, OUT Vitezslav Gebas (CZE), Adam Burgess (GBR), Campione del mondo U23 2015, e Sebastian Rossi (ARG).

Tra le novità in occasione di questa prima prova, un nuovo format che ha raccolto pareri contrastanti e che sarà ulteriormente discusso nel corso dei restanti giorni di gara. Il comitato organizzatore infatti ha introdotto il sistema “non-stop” che ha previsto negli ultimi 30 minuti di allenamento a disposizione per ciascuna nazione, la tracciatura del percorso di qualifica con la possibilità di provarlo in anticipo rispetto al giorno della gara.

Sabato 17 Giugno: Semifinali & Finali C2 Maschile – C1 Femminile – K1 Maschile 

Seconda giornata di gare ostica e senza sorrisi per la squadra azzurra.
Il miglior tempo di gara è quello del nostro Giovanni appesantito purtroppo da un tocco quasi impercettibile e invisibile a occhio nudo alla porta numero 6, e conseguenti 2 secondi di penalità, ma soprattutto un salto di porta alla 23 tutt’altro che chiaro, considerando i passaggi di altri altleti considerati buoni. Al traguardo gli vengono assegnati due tocchi di palina; pochi minuti più tardi però, nonostante i giudici di porta non avessero ravvisato altro, il giudice principale Jean Michel-Prono, francese e capo del settore slalom per l’International Canoe Federation, assegna un salto di porta, e 50 secondi di penalità alla 23. Dege chiuderà al 31° posto.
Il migliore degli azzurri è ancora lo scaligero Zeno Ivaldi che si ferma al 14° posto a 1,03 dalla finale, 27° Jakob Weger. Semifinale fatale inoltre per Mateusz Polaczyk e DariuszPopiela (POL), neocampione e vicecampione europeo, Peter Kauzer (SLO) e Vavrinek Hradilek (CZE) che qui vinse il mondiale nel 2013.
Doppiedda Rep. Ceca con Vit Prindis che beffa per soli 0,89 Jiri Prskavec, bronzo a Sebastian Shubert (GER).

Nella C2 suona ancora l’inno Ceco grazie all’equipaggio Kaspar/Sindler che demolisce la concorrenza, argento e bronzo alla Francia con gli equipaggi Klauss/Peche e Picco/Biso.

Nella C1 femminile è la neocampionessa europeo Kimberley Woods (GBR) a trionfare davanti alla connazionale Mallory Franklin e la padrona Monika Jancova (CZE).

Dopo lo spettacolo dello slalom è andata in scena la Boater Cross. Nessun italiano al via ma tanto spettacolo, partendo dai 1/4 di finale, sia maschili che femminili, a trionfare saranno nel maschile Mike Dawson (NZL) e nel femminile Amalie Hilgertova (CZE)

Domenica 18 Giugno: Semifinali & Finali K1 Femminile – C1 Maschile – C2 Misto

Ultima giornata di gare a Praga e prima gioia per i colori azzurri.
Nella K1 femminile Steffi dopo la vittoria nelle qualifiche di ieri pasticcia parecchio in semifinale e nonostante un lungo alla porta 22 riesce ad accedere in finale con il 10° tempo, l’ultimo a disposizione. Maria Clara Giai Pron chiude al 15° posto e fuori dalla finale in compagnia di atlete importanti come Eva Tercelj (SLO), la vicecampionessa olimpica Luuka Jones (NZL) e la campionessa del mondo in carica Katerina Kudejova (CZE).
Decisamente meglio la finale per Steffi dove però commette due tocchi di porta che la piazzano al 5° posto finale a 4,31 dalla vincitrice, e campione olimpica 2016, Maialen Chourraut (ESP) che precede sul traguardo Kimberley Woods (GBR) e Ricarda Funk (GER).

Nella C1 è Raffaello Ivaldi a farci saltare sul divano, grazie alla sua prima medaglia in coppa del mondo!
Dopo un ottima qualifica Raffy è bravissimo ad interpretare il nuovo tracciato e nonostante un tocco si qualifica raffaelloivaldi2017ivrea-300x200nettamente con il 5° tempo. Troppi gli errori per l’altro azzurro Roberto Colazingari che conclude 16° con 6 secondi di penalità sulle spalle che non gli permettono di qualificarsi, così succede anche a molti altri TOP di specialità.
Alexander Slafkovsky (SVK) commette un salto di porta alla 17, fuori anche Ander Elosegui (ESP), Takuya Haneda (JPN), bronzo di Rio 2016, Michal Jane (CZE) e Casey Eichfeld (USA).
Raffy è determinato e in gran forma e nonostante un tocco ineccepibile alla 15 piazza il tempo di 101,91. Passano gli atleti e Michael Martikan (SVK) provvisoriamente al comando viene retrocesso per un salto porta spingendo quindi lo scaligero sul podio dietro al trionfatore Sideris Tasiadis (GER) e Matej Benus (SVK).

Gli azzurri ora si trasferiranno in Germania, ad Augsburg, sede nel prossimo weekend della seconda prova di coppa del mondo. Questi i convocati:

KAYAK MASCHILE

  • C.S.CARABINIERI: DE GENNARO Giovanni
  • C.C.VERONA: IVALDI Zeno
  • S.C.MERANO: WEGER Jakob
  • A.S.D. C.C. MILANO: DE DIONIGI CHRISTIAN

KAYAK FEMMINILE

  • M.M.C.S. CANOA FLUVIALE: HORN Stefanie – GIAI PRON Clara
  • G.S. FIAMME AZZURRE: SABATTINI Chiara

CANADESE MONOPOSTO

  • C.S.CARABINIERI: COLAZINGARI Roberto
  • C.C.VERONA: IVALDI Raffaello
  • M.M.C.S. CANOA FLUVIALE: CIPRESSI Stefano

Luca Rizzardi


Rispondi

Corsi e Tesseramento

Iscriviti al nostro blog per ricevere le notifiche dei nuovi articoli.